Lavorare fa bene

Non lo dicono tutti, parafrasando una vecchia canzone di Irene Grandi, ma dopo anni in cui ho alternato periodi di disoccupazione o inattività a periodi lavorativi anche impegnativi, sono convinta di questa mia affermazione.

Lavorare fa bene soprattutto se i diritti fondamentali e magari anche qualcuno di quelli considerati accessori, vengono rispettati; e fa molto bene a noi donne in questi anni di crisi in cui siamo le prime ad essere penalizzate, se formazione, competenze e la regione del mondo in cui viviamo non ci favoriscono. Basterebbe effettuare una semplice ricerca su un sito come infojobs per rendersi conto dell’abisso che separa la provincia di Siracusa con quella di Padova e della cronica mancanza di opportunità in certe zone d’Italia.

Poca carne al fuoco ancora? Più passano gli anni, più sento mancarmi il terreno sotto i piedi perché, non solo si sono quasi azzerate le opportunità di lavoro, ma anche quelle formative, ormai rivolte per la maggior parte a coloro che hanno al massimo trentacinque anni oppure semplicemente di scarsa qualità e messe su solo per ottenere fondi.

Disparità di genere e di età a parte, occorre considerare che per un lavoro per il quale fino a dieci anni bastava avere un diploma, un corso di formazione e una manciata di competenze, adesso bisogna essere laureati ed avere un certo numero di skills in cui l’esperienza nella vendita della Fontana di Trevi a Peppino De Filippo è più che fondamentale; è vitale.

Non è mio intento disprezzare nessuno: è diritto di ognuno il lavoro e non esiste un mondo perfetto. Uno degli argomenti che vorrei raccontare è ciò che affronto ogni giorno nella mia lotta quotidiana per la conquista del mio posto di lavoro perfetto (seee come se esistesse!) ovvero di un’identità meno marginale all’interno della società dei primi anni 2000, e ciò che imparo, leggo, conosco e confrontarmi con i miei futuri quattro lettori.

IMG_20140828_114332[1]

« “Quarantadue!” urlò Loonquawl. “Questo è tutto ciò che sai dire dopo un lavoro di sette milioni e mezzo di anni?”
“Ho controllato molto approfonditamente,” disse il computer, “e questa è sicuramente la risposta. Ad essere sinceri, penso che il problema sia che voi non abbiate mai saputo veramente qual è la domanda.” » (La vita, l’universo e tutto quanto – Douglas Adams)

Il numero e la parola

all’inizio è così:
voglio il Sole – tepore nelle ossa stanche –
o la Nebbia umida – e nascondermi:
a volte il Tempo è immoto.
ma ho dita veloci e numeri
e affari non miei.
Nessuno Muore
durante gli Infiniti Calcoli.

Annunci

Informazioni su Aleksandra Semitaio

Scienze, tecnologia, alimentazione, content marketing e social media sono le mie passioni. Suggestioni e progetti il mio motto. La cultura digitale non è tutto, ma la punteggiatura corretta è fondamentale. Se volete davvero commuovermi mostratemi un'astronave sullo sfondo degli anelli di Saturno o una burrata fresca di caseificio; non necessariamente in quest'ordine. Vedi tutti gli articoli di Aleksandra Semitaio

4 responses to “Lavorare fa bene

  • alice

    Lo scarso, o inesistente, rispetto per i diritti e la dignità dei lavoratori non ha preferenze geografiche e i diritti acquisiti in anni di lotte sindacali vanno diminuendo ogni giorno che passa.
    Il lavoro scarseggia e per tenerselo caro bisogna accettare troppi compromessi.
    Mi sembra di essere tornata indietro di un secolo e lo dico con immensa tristezza.

    Mi piace

    • aleksandrasemitaio

      È un pensiero che ho fatto anche io e il senso di rassegnazione che pervade tutti è grave; ma è la prima volta che mi capita di lavorare in condizioni di sfruttamento. Quello che ho notato è che, meno si è titolati e qualificati, più diritti ti sottraggono.

      Mi piace

      • Alice

        Purtroppo lo sfruttamento delle persone è diventato un’arte sottile, non è solo quello palese delle aziende medio-piccole. Anche le multinazionali ora travestono lo sfruttamento da “opportunità”.
        Ti convocano e ti dicono: “abbiamo pensato di darti questa opportunità…” e quando tu rispondi che non ti sembra poi tanto un’opportunità loro assumo quell’aria fra lo stupito e l’offeso che mi fa tanto girare le scatole.

        Liked by 1 persona

      • aleksandrasemitaio

        Io dico sempre che è una questione di affari: tizio mi paga, io presto la mia forza lavoro. Affari, non trasfusione di sangue.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Al Bar Etna

Il Bar era, è, e auspico resti, quel luogo per riunirsi, stare insieme o soli, scambiare o ascoltare racconti, fatti, idee, informazioni, mentre si sorseggia un caffé o un drink

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

ilpagliarino

Che la luce sia con te ...il portfolio fotografico di Luca Pagliarino

IL BLOG DELLA GHIANDAIA IMITATRICE

Peeta: Tu mi ami, vero o falso? Katniss: Vero!!!

pe®izoma

Bisogna farsi Dio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: