Ricordare Palermo: Sicilia è.

Era davvero da parecchio tempo che non visitavo una Città con la C maiuscola; il desiderio di viaggiare e immergermi il più possibile nell’anima di un luogo l’ho sempre avuto, ma non sono mai riuscita a spostarmi molto, nonostante frequenti traslochi: in quarant’anni la Sicilia è solo la quarta regione d’Italia in cui mi permetto di vivere, dopo la Puglia (in cui sono nata e cresciuta), il Lazio e il Veneto. Perciò la scorsa settimana ho deciso di visitare Palermo e ho scoperto una città bella e viva, ricolma di gente, piena di turisti di tutto il mondo, calorosa e accogliente.

Teatro Massimo

Teatro Massimo

La città mi ha accolto a braccia aperte, profumata di zagare, incenso e panini con la meusa: città più volte ferita e torturata, sorprende per la vitalità potente dei suoi abitanti, i viali immensi alberati, la storia e l’arte che ogni dove  si affastellano e sbocciano continuamente in scorci diversi nel sole e nell’ombra. Ci tornerei domani, se potessi! Nonostante il traffico e i parcheggiatori abusivi, nonostante le pagine tristi che all’improvviso si possono aprire davanti a una lapide commemorativa. Ci tornerei perché molti sono i palermitani che non si piegano. Ho finalmente compreso a fondo i motivi per i quali tanti cittadini di città difficili da vivere non vanno via, ma combattono insieme.

Verso Via Maqueda

Verso Via Maqueda

Particolare all'incrocio I Quattro Canti

Particolare all’incrocio I Quattro Canti

Piazza della Vergogna ovvero Piazza Pretoria

Piazza della Vergogna ovvero Piazza Pretoria

La Martorana, Santa Maria dell'Ammiraglio

La Martorana, Santa Maria dell’Ammiraglio

Murale nel quartiere Ballarò

Murale nel quartiere del mercato di Ballarò

la luce nella chiesa di San Cataldo

la luce nella chiesa di San Cataldo

Le dorature di uno degli innumerevoli e meravigliosi mosaici (questo a Palazzo dei Normanni)

Le dorature di uno degli innumerevoli e meravigliosi mosaici (questo a Palazzo dei Normanni)

Il Ficus monumentale nell'immenso Orto Botanico

Il Ficus monumentale nell’immenso Orto Botanico

l’Orto Botanico e l’Università

Al Fondaco del Conte siciliani e oltre

Panormus e l’Expo 2015: cibo e felicità

Una deliziosa cassata

Una deliziosa cassata

Annunci

Informazioni su Aleksandra Semitaio

Scienze, tecnologia, alimentazione, content marketing e social media sono le mie passioni. Suggestioni e progetti il mio motto. La cultura digitale non è tutto, ma la punteggiatura corretta è fondamentale. Se volete davvero commuovermi mostratemi un'astronave sullo sfondo degli anelli di Saturno o una burrata fresca di caseificio; non necessariamente in quest'ordine. Vedi tutti gli articoli di Aleksandra Semitaio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Al Bar Etna

Il Bar era, è, e auspico resti, quel luogo per riunirsi, stare insieme o soli, scambiare o ascoltare racconti, fatti, idee, informazioni, mentre si sorseggia un caffé o un drink

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

ilpagliarino

Che la luce sia con te ...il portfolio fotografico di Luca Pagliarino

IL BLOG DELLA GHIANDAIA IMITATRICE

Peeta: Tu mi ami, vero o falso? Katniss: Vero!!!

pe®izoma

Bisogna farsi Dio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: