Crowdfunding Vs caporalato

Photo courtesy of Funky Tomato

Photo courtesy of Funky Tomato

Molte sono le riflessioni da fare attorno al cibo e all’alimentazione: dalla coltivazione e produzione alla distribuzione. Solo questi tre aspetti coinvolgono più livelli in più settori. Spesso ci arrivano messaggi contraddittori, ci viene chiesto spesso di preferire alimenti a chilometro zero, di scegliere prodotti delle filiere italiane e contemporaneamente di aiutare le produzioni di paesi poveri ed emergenti, il cui unico sostentamento si colloca nel settore agricolo e nella diffusione di coltivazioni peculiari di certe zone del mondo.

Come acquirente io cerco di fare entrambe le cose, perché le ritengo importanti entrambe. Può sembrare impossibile da fare, ma nel mio piccolo credo che, vivendo in un’economia completamente globalizzata, sia necessario per tutti collaborare affinché gli sforzi in campo alimentare, soprattutto nelle condizioni di mercato attuali, siano premiate. Soprattutto se l’obbiettivo è combattere povertà economica e morale.

E qui arriviamo a Funky Tomato. Scrive Chiara Baldi su StartupItalia! “Migranti che lavorano alla coltivazione e alla raccolta di pomodori senza essere sfruttati dai caporali. Anzi, persino con un contratto regolare. Non è un sogno ma una realtà piuttosto solida, questa: si tratta di Funky Tomato, un’azienda che coltiva, raccoglie e imbottiglia pomodori a filiera partecipata. Nata da pochi mesi, Funky Tomato produce salsa di pomodoro in Basilicata.”. “Per questo è stato lanciato un crowdfunding sulla piattaforma di Produzioni dal Basso che ha già raccolto un grande sostegno in giro per l’Italia, i cui proventi verranno suddivisi tra le tre realtà aderenti.”.

Vi confesso che avrei voluto scriverlo io, ma è bello anche diffonderlo, questo articolo. Quindi prendete questo link e leggetene tutti, intanto. Concetto e informazione fondamentale, da comprendere e trasmettere il più possibile: i primi promotori di eccellenze del genere sul nostro territorio è necessario che siano distributori e trasformatori degli alimenti. Un impegno (anche bello e divertente, nonché gustoso) che crea un circolo virtuoso fra esercenti, clienti e produttori. E infatti, scrive sempre Baldi: “Chi acquista sono principalmente ristoratori che fanno micro-distribuzione, distributori equo solidali, minori, qualche privato. Sono proprio i clienti che hanno creduto nell’iniziativa ad aver acquistato 20mila bottiglie di salsa di pomodoro, pelati e pomodori a pezzi.”.

Facciamo un bel “ciaone” ai caporali?

Annunci

Informazioni su Aleksandra Semitaio

Scienze, tecnologia, alimentazione, content marketing e social media sono le mie passioni. Suggestioni e progetti il mio motto. La cultura digitale non è tutto, ma la punteggiatura corretta è fondamentale. Se volete davvero commuovermi mostratemi un'astronave sullo sfondo degli anelli di Saturno o una burrata fresca di caseificio; non necessariamente in quest'ordine. Vedi tutti gli articoli di Aleksandra Semitaio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Al Bar Etna

Il Bar era, è, e auspico resti, quel luogo per riunirsi, stare insieme o soli, scambiare o ascoltare racconti, fatti, idee, informazioni, mentre si sorseggia un caffé o un drink

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

ilpagliarino

Che la luce sia con te ...il portfolio fotografico di Luca Pagliarino

IL BLOG DELLA GHIANDAIA IMITATRICE

Peeta: Tu mi ami, vero o falso? Katniss: Vero!!!

pe®izoma

Bisogna farsi Dio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: