Insulti sui social network: perché evitarli

diritto-penale-3
Nell’attesa di buone nuove, che arriveranno presto, continuiamo con i repost di articoli che ho scritto per Blog d’Innovazione e che per me sono sempre validi (perché non tutti lo sono). Oggi vediamo come, agli albori del mio fare blogging, ho trasformato un argomento di “peso” con un pizzico di ironia: spero che vi piaccia!

“Quante volte, sui social network, vi siete trovati a leggere messaggi contenenti insulti? Molto spesso, oserei affermare, perché purtroppo capita che alcuni si lascino andare all’invettiva senza pensare alle conseguenze. E’ recente il caso di un’utente Facebook che si è spinta ad insultare ripetutamente on line i suoi ex datori di lavoro e che, dopo una prima denuncia per la quale le era stato intimato di cancellare tutte le ingiurie, non avendolo fatto, la giudice del tribunale civile le abbia imposto cento euro di multa per ogni giorno in più in cui gli insulti non erano stati eliminati dai profili in questione. Recente anche il caso di un maresciallo della Guardia di Finanza che aveva offeso il collega designato al posto suo tramite il profilo Facebook personale e per questo condannato per diffamazione; attenzione, per la diffamazione, recita la sentenza, non è necessaria l’indicazione del nome dell’offeso purché sia riconoscibile da un numero anche limitato di persone (anche due). Perché vi stiamo parlando di queste sentenze? Perché spesso si sente dire che i nostri codici, civile e penale, non siano aggiornati con la veloce evoluzione della nostra società, che sempre più spesso vive e si esprime attraverso i social network.

E’ forse una vera cultura della legalità il concetto innovativo da trattare? Le sentenze che abbiamo citato non fanno giurisprudenza come negli Stati Uniti, non creano un precedente perché per i giudici in Italia ogni caso in esame costituisce un caso a sé e il giudice è libero di decidere cosa si può fare e in che termini. Il Diritto, inoltre, cambia le regole così come cambia la società ed è meno statico di quanto si pensi; in più, insulti e diffamazione sono contemplati come reati a mezzo stampa e noi sappiamo che i social network sono assimilabili ad un quotidiano (con tutte gli effetti del caso). Il concetto di imputabilità giuridica non viene meno se sono su un social invece che in una pubblica piazza, perché è determinato dalle conseguenze che il mio comportamento ha sulla vita delle altre persone. Non manca legislazione in merito, ma un po’ di accortezza da parte nostra.
Infine, il web non ci ha donato modi nuovi per reagire in modo costruttivo a queste problematiche, se non l’essere di per sé un amplificatore di messaggi nel bene e nel male; ed è nel bene che già da tempo, dagli albori della comunicazione on line (si pensi ai vecchi gruppi di discussione su usenet), è nata una raccolta di insulti e “sbroccamenti molto social” chiamata peppindex, che ha sempre saputo aiutarci a rispondere con ironia quando i thread si fanno davvero pesanti. Leggetela perché è davvero divertente. Ed è così che voglio salutarvi questa volta, con un consiglio indiretto, nel caso doveste essere tentati da una discussione, ricordatevi queste parole: “So bene che rispondendo a questo tuo messaggio cado in una trappola.” e non fatelo.”

felice

“Nessun albero e’ stato danneggiato per scrivere questo messaggio, tuttavia diversi trilioni di elettroni sono stati importunati pesantemente”

Annunci

Informazioni su Aleksandra Semitaio

Scienze, tecnologia, alimentazione, content marketing e social media sono le mie passioni. Suggestioni e progetti il mio motto. La cultura digitale non è tutto, ma la punteggiatura corretta è fondamentale. Se volete davvero commuovermi mostratemi un'astronave sullo sfondo degli anelli di Saturno o una burrata fresca di caseificio; non necessariamente in quest'ordine. Vedi tutti gli articoli di Aleksandra Semitaio

4 responses to “Insulti sui social network: perché evitarli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Al Bar Etna

Il Bar era, è, e auspico resti, quel luogo per riunirsi, stare insieme o soli, scambiare o ascoltare racconti, fatti, idee, informazioni, mentre si sorseggia un caffé o un drink

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

ilpagliarino

Che la luce sia con te ...il portfolio fotografico di Luca Pagliarino

IL BLOG DELLA GHIANDAIA IMITATRICE

Peeta: Tu mi ami, vero o falso? Katniss: Vero!!!

pe®izoma

Bisogna farsi Dio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: