Archivi tag: #kids

Green Coding con Arduino

greencoding1

Dal 10 al 18 ottobre si è svolta in tutta Europa la terza edizione della Code Week, la Settimana della Programmazione. Nel corso della settimana si sono svolti migliaia di eventi in ogni parte d’Europa per offrire a giovani e giovanissimi l’opportunità di vivere vere e proprie esperienze di programmazione (come i coderdojo) e di divertirsi in modo costruttivo vedendo le proprie idee prendere forma. Imparare il linguaggio delle cose è un modo semplice per avvicinare i giovani al pensiero computazionale e a realizzare le proprie idee. Scuole, associazioni, gruppi e aziende hanno avuto la possibilità di contribuire a organizzare o supportare gli eventi che si sono sviluppati ovunque in Europa.

 

Quest’anno l’Italia ha avuto il compito di seguire il coordinamento generale delle iniziative europee grazie alla straordinaria partecipazione del nostro paese durante la Code Week del 2014; partecipazione che ha avuto come protagonisti indiscussi migliaia di bambini e giovani in tutta Italia. A tal proposito, abbiamo avuto l’opportunità di seguire un evento organizzato nella città di Siracusa che ha visto l’unione delle istanze della Code Week con quelle di Expo 2015: imparare il linguaggio delle cose sensibilizzando i bambini all’utilizzo di risorse eco sostenibili ponendo l’accento sulla conoscenza e il rispetto per l’ambiente.

greencoding4.jpg

L’evento “Green Coding: rispettare l’ambiente giocando con le nuove tecnologie”, organizzato nella cornice della Settimana della Programmazione e de Il Gusto della Luce – Expo e Territori si è tenuto nella giornata di domenica 18 ottobre, presso la sede del consorzio Area Marina Protetta del Plemmirio in Ortigia. Questo autentico laboratorio botanico in miniatura, realizzato utilizzando Arduino, è stato reso possibile grazie al vivace ausilio di Marco Scalet dell’associazione Futuro Solare Onlus con il supporto di Impact Hub Siracusa ed era rivolto ai giovani fra gli 8 ed i 15 anni con l’obbiettivo di promuovere l’apprendimento delle competenze relative alla programmazione e alla tutela dell’ambiente in modo divertente e giocoso.

greencoding2

I bambini hanno potuto programmare un sistema, chiamato Plantoratory, che consiste nel creare un sensore di umidità che avverte, tramite tre led colorati (rosso, giallo e verde), quando la pianta che si sta monitorando ha bisogno di essere innaffiata e, attraverso l’uso di una fotoresistenza, un sensore di luminosità che avverte se la luce disponibile sia sufficiente alla fotosintesi della pianta. Il laboratorio è avvenuto in tre fasi: inizialmente ai bambini è stato spiegato come si accendono i led, successivamente hanno imparato i comandi di ingresso e uscita attraverso l’uso della scheda Arduino, dopodiché hanno sperimentato come raccogliere le informazioni dai sensori di umidità e luminosità e in base alle informazioni raccolte dalla scheda, hanno scoperto come far accendere i led corrispondenti al valore rilevato.

Quindi i ragazzi sono riusciti a costruire materialmente Plantoratory (e a portarselo a casa), ma il risultato della giornata non è stato solo un apparecchio utile, semplice e intuitivo. L’entusiasmo crescente dei ragazzi e delle ragazze che hanno partecipato al laboratorio è stato contagioso anche per i genitori e ha creato un bagaglio condiviso di esperienze indimenticabili. Curiosità, pazienza, concentrazione ed allegria sembrano proprio un’ottima ricetta per il futuro dei nostri figli.

Annunci

Al Bar Etna

Il Bar era, è, e auspico resti, quel luogo per riunirsi, stare insieme o soli, scambiare o ascoltare racconti, fatti, idee, informazioni, mentre si sorseggia un caffé o un drink

la Ciarla

a cura di Giovanni Pistolato

ilpagliarino

Che la luce sia con te ...il portfolio fotografico di Luca Pagliarino

IL BLOG DELLA GHIANDAIA IMITATRICE

Peeta: Tu mi ami, vero o falso? Katniss: Vero!!!

pe®izoma

Bisogna farsi Dio